Perla della Sicilia, Taormina è una delle destinazioni turistiche più famose d’Italia. Il suo successo risale al Novecento in cui diventò una delle mete preferite di artisti e intellettuali provenienti da tutto il mondo.

 

Ancora oggi i panorami mozzafiato, l’inestimabile valore culturale del suo patrimonio e le spiagge paradisiache fanno di Taormina una tappa immancabile nella visita della Sicilia.

 

Info utili per la tua vacanza a Taormina

beach_access
 
 

 

IL CONSIGLIO DI TURY...
Per scoprire veramente la Provincia di Messina devi conoscere le tradizioni, la cucina e... 

SCOPRI LE ESPERIENZE

 

Come spostarsi

La visita di Taormina in macchina è sconsigliata, soprattutto in periodo estivo perché la città è molto frequentata e quasi interamente chiusa al traffico.
Per parcheggiarsi sono disponibili diverse aree tra cui il Parcheggio Lumbi aperto 24/24 ore.

Sono disponibili gli autobus dell’Azienda Municipalizzata dei Servizi (ASM) per spostarsi in tutta l’area urbana. Orari e tariffe di autobus e parcheggi disponibili QUI

La funivia collega il centro città con il mare (Mazzarò), dalle 8 del mattino all’1 di notte.
Per info e orari: vai a questo LINK 
Tariffe corsa singola 3,00€ - Giornaliero 10,00€ - Settimanale 30,00€

 

Cenni storici

Taormina affonda le sue radici nel periodo ellenistico, quando nell’VIII secolo a.C. i Siculi che abitavano la pianura sottostante al Monte Tauro furono obbligati a ritirarsi sulla cima del monte e a fondare Tauromenion a causa dell’avanzare dei Greci sulla costa orientale della Sicilia.
La storia di Taormina è assimilabile a quella del resto della Sicilia, fino all’Unità d’Italia e al Novecento, periodo durante il quale Taormina conobbe una crescita costante e diventò una delle mete preferite di artisti di tutte le origini.

 

Arte e monumenti

Taormina ha ereditato dalla sua storia numerosi monumenti che oggi si possono visitare. A livello di architettura religiosa le principali chiese da vedere sono la Basilica Cattedrale di San Nicolò, la Chiesa Santa Caterina e la Chiesa San Pancrazio.
I monumenti storici da non perdere sono invece il Teatro greco, la Badia Vecchia, sede del Museo Archeologico della Badia Vecchia, il Castello Saraceno, l’Odeon e le Naumachie.
Di grande interesse storico e culturale sono anche i palazzi Ciampoli, Corvaja, che ospita il Museo di arti e tradizioni popolari, il palazzo dei Giurati e il Palazzo dei Duchi di Santo Stefano, sede della Fondazione Mazzullo.
Da visitare assolutamente anche il Museo archeologico regionale e l’Area archeologica di Naxos.

 

Chiese di Taormina 

Basilica Cattedrale di San Nicolò
La prima struttura della “Chiesa fortezza”, come viene chiamata, risale al XIII secolo. La chiesa ha però conosciuto molte modifiche nel corso della sua storia. Il portale della facciata principale, in stile manierista, risale al 1633 e il rosone polilobato è del XVI secolo. All’interno del Duomo sono conservati dipinti di Antonino Giuffré e Antonello da Saliba risalenti ai secoli XV e XVI. Nella cappella a destra dell’altare maggiore si trova una scultura di Gagini della prima metà del XVI secolo, raffigurante la Madonna col Bambino e, a sinistra, un tabernacolo del 1648.

Chiesa Santa Caterina
Costruita nel XVII secolo sopra i resti della scena dell’Odeon di epoca augustea di cui alcune tracce sono ancora visibili dietro le absidi. All’interno, Vi sono anche alcuni resti di un tempio ellenistico sotto il pavimento della chiesa.

Chiesa San Pancrazio
Di epoca tardo seicentesca, questa chiesa fu costruita sulle rovine di un tempio greco dedicato a Giove Serapide, del quale sono ancora presenti le pietre sovrapposte a secco lungo il perimetro della nave centrale. All’interno ci sono diverse tele e affreschi del Settecento.

 

 

Monumenti storici di Taormina 

Teatro greco
Si tratta del secondo teatro per dimensione in Sicilia, dopo quello di Siracusa. Fu realizzato in età ellenistica (III secolo a.C.) in un punto panoramico di spettacolare bellezza dal quale è possibile ammirare il Monte Etna e la costa del Mar Jonio. Il suo aspetto attuale però è di stile totalmente romano probabilmente a causa delle varie ricostruzioni e modifiche che ha subito, in particolare le opere di ampliamento e di adattamento agli spettacoli dei gladiatori che lo trasformarono in un vero e proprio anfiteatro. La fama del monumento crebbe a dismisura durante l’epoca del Gran Tour, in cui la sua decadenza e la sua posizione panoramica gli prestavano un’atmosfera romantica molto ricercata dagli artisti di quel periodo. Dagli anni Cinquanta, il teatro è stato impiegato per la rappresentazione di varie manifestazioni teatrali e musicali e dal 1983 ospita il Taormina arte e il Taormina Film Fest.

Badia Vecchia
Di stile gotico-trecentesco l’edificio è oggi sede del Museo Archeologico. Nel museo sono esposti oggetti risalenti al periodo ellenistico (IV secolo a.C.) e alla dominazione romana. Vi sono anche alcuni reperti provenienti dagli scavi effettuati tra il 1984 e il 1998. Sono conservati nel museo anche esempi di protomaiolica del XIII secolo e maiolica del Rinascimento. 

Castello Saraceno
Non si conosce con esattezza l’epoca di costruzione di questo castello che si erge sul Monte Tauro, anche se si suppone che sia stato edificato dagli Arabi. L’edificio occupa il sito dell’antica acropoli.

Odeon
Risalente all’epoca romana-imperiale, l’edificio fu riportato alla luce nel 1893. Era destinato alle rappresentazioni musicali e letterarie e la scena era costituita da un lato del tempio dorico di epoca ellenistica di cui è visibile un rocchio di colonna all’interno della Chiesa Santa Caterina.

Naumachie
Si tratta di un prospetto murario monumentale di epoca romana imperiale, lungo 122 metri e alto 5 metri. Il nome deriva dal greco e significa “combattimento navale” perché si pensavo che si trattasse di un circo acquatico, questa tesi fu però esclusa e oggi si pensa che fungesse da terrazzamento e da sostegno per una grande cisterna d’acqua destinata all’approvvigionamento idrico della città.

 

 

Un post condiviso da A_D.84 (@a_d.84) in data:

 

Spiagge e Dintorni 

Spiagge

Le spiagge più belle in prossimità di Taormina sono:

- Spisone: in prossimità del casello autostradale A18 di Taormina. Si trovano lidi a pagamento ma anche tratti di spiaggia libera.  L’acqua è cristallina, la sabbia è di sassolini e di grande suggestione sono  gli isolotti di pietra che riaffiorano dall’acqua

- Mazzeo, posta tra la spiaggia di Spisone e di Letojanni, è costituita da spiaggia fine. Si alterna tra lidi privati e tratti di spiaggia libera. È ideale per chi vuole staccare la spina e rilassarsi in tranquillità.

- Fondaco Parrino, tra Letojanni e Sant’Alessio  Siculo, a pochi km da Taormina.  Acqua cristallina e spiaggia di sabbia e pietruzze.  Conosciuta perché nella zone è l’unica spiaggia in cui è possibile praticare nudismo. 

- Mazzarò, posta vicino ad Isola bella, separati dal promontorio roccioso e calcareo di capo S. Andrea.

- Letojanni, altra meta turistica di grande importanza. Una delle spiagge più conosciute e meta di turisti della costa orientale della Sicilia. È caratterizzata da distese sabbiose; sono presenti molti lidi attrezzati e spazi liberi. L’acqua è limpida e cristallina.

- Isolabella, vicino a Giardini Naxos. Considerata il simbolo di Taormina insieme al Teatro Greco. È formata da ghiaia e ciottoli. L’acqua che la bagna è azzurra e cristallina.

 

 

- Giardini Naxos, una delle località turistiche gettonate vicino Taormina, situata in una baia, costituita da ciottoli e acqua cristallina. Ma non ha solo il mare ma tanti altri tesori che la caratterizzano, come il sito archeologico  di Giardini Naxos che  conserva  i resti del periodo romano e greco. Tra le chiese da vedere sono  la Chiesa Maria Raccomandata, la chiesa di Santa Maria Immacolata e la chiesa di San Pancrazio. Inoltre, simbolo del gemellaggio con le isole Cicladi è la Porta di Naxos.

San Marco, nella zona di Calatabiano, non lontana da Taormina. La spiaggia è di sabbia e ciottoli, lunga diversi km e costeggiata da un bosco di acacie e eucalipti. L’acqua è azzurra e limpida. La spiaggia è a tratti attrezzata con lidi e a tratti libera.

Recanati, nel territorio di Giardini Naxos. La spiaggia è larga e sabbiosa, con tratti con lidi attrezzati e tratti liberi. Adatta a tutti poiché è una zona ricca di servizi e divertimenti.  

 

 

Un post condiviso da N & J 💑 (@evasion_a_deux) in data:

 

Dintorni

Durante la vostra vacanza in questo gioiello Siciliano non potete non visitare le splendide meraviglie che la circondano, località turistiche d'interesse culturale e naturalistico:

Castelmola, a pochi chilometri da Taormina,  in cima ad un promontorio  e con il mar Ionio di fronte. È considerato uno dei borghi più belli d’Italia, con il suo aspetto tipico medievale e il suo castello di cui rimane traccia delle mura.  Tante le chiesette da visitare e i palazzi tipici. Nella piazza centrale, con il pavimento in mosaico fatto di pietra lavica, sorge l’ex chiesa di Sant’Antonino, oggi diventato l’Auditorium Comunale.  Sempre in piazza presso lo storico bar S.Giorgio non potete non assaggiare il vino di mandorla, uno dei prodotti tipici di questo borgo.  In piazza Duomo,invece, si trova la chiesa Madre o chiesa di San Nicola di Bari, dal cui ingresso laterale si può ammirare sia l’Etna che il golfo di Naxos.

Sant’Alessio Siculo con il suo castello Normanno posto sul promontorio di Capo Sant’Alessio.

Forza d’Agrò, tra Messina e Catania, piccolo paesino con il suo castello e le mura che lo circondano. Da visitare nel cuore del paese  è sicuramente la cattedrale della SS. Annunziata e la chiesa della Triade con il suo  convento degli Agostiniani.

Casalvecchio Siculo con la sua chiesa Madre  o chiesa di sant’Onofrio, chiesa di grande bellezza grazie alla sua facciata barocca. La chiesa dei Santi Pietro e Paolo d’Agrò, la più importante chiesa di tutta la zona.  Si può visitare anche il museo del paese in cui sono presenti tele, statue, oggetti e arredi sacri e libri antichi.

Francavilla di Sicilia, al centro della valle Alcantara e sulla riva del fiume Alcantara. Tantissimi i luoghi di interesse da visitare in questo piccolo paesino: l’antiquarium,  il convento dei Frati Cappuccini con il museo di Storia Francescana e Contadina. Ma di estrema bellezza è il paesaggio che lo circonda, da Francavilla di Sicilia, infatti,  si può ammirare il parco fluviale dell’Alcantara e le gurne cioè 16 piccoli laghetti che si sono formati lungo il corso del fiume.

Giarre, tra Catania e Tormina, ricca di monumenti sia a carattere religioso che civile. Da vedere è il bellissimo Duomo di Giarre, dedicato a Sant’Isidoro Agricola, di grande importanza artistica poiché al suo interno racchiude importanti tele di pittori siciliani del settecento e dell’ottocento.  L’intero paese ha un estremo fascino perché è costituito da diversi palazzi di carattere settecentesco e in stile liberty, come il palazzo Bonaventura. Inoltre, Giarre è ricca di parchi e ville.

- Randazzo, in provincia di Catania ma non molto distante da Taormina, un paesino medievale di grande bellezza. Non può mancare la visita alle tante chiesette che costituiscono il paese, ma anche ai musei come il museo archeologico Paolo Vagliasindi, il museo civico di Scienze Naturali e il museo dell’opera dei Pupi.

Montalbano Elicona, uno dei borghi più belli d’Italia. Di suggestivo fascino il castello di Federico II di Aragona, posto nella parte più alta del borgo.  Conosciuta, oltre per le tante chiese, anche per i megaliti di  Argimusco.

Tra le Riserve naturali assolutamente da visitare nella zona ci sono:

Gole dell’Alcantara , situate nella valle dell’Alcantara alla fine dei monti Peloritani. Uno spettacolo naturale, dove il fiume Alcantara scorre tra le gole formate dalla pietra lavica. Vengono organizzate anche delle visite guidate per ripercorrere l’intera valle. È consigliabile tra maggio e settembre quando l’acqua e bassa, anche se risulta sempre essere fredda. 

Riserva naturale orientata Fiumedinisi,  ricca di fiumi, valli fluviali. Bellissima è la valle degli Eremiti dove è presente il Santuario della SS. Trinità, e la valle dell’Acqua Menta chiamata così per la presenza di numerose piantine di menta!  All’interno di questa riserva naturale sono stati ritrovati anche reperti dell’era bizantina.  È una riserva ricca di flora e fauna, adatta agli amanti della natura.

Riserva naturale orientata bosco di Malabotta, uno dei boschi più importanti della zona. Importante per il suo alto valore ecologico e geomorfologico. Adatto per gli amanti della natura e del trekking, all’interno della riserva si possono trovare diversi habitat, il bosco, la prateria, gli ambienti umidi torrentizi e quelli ruprestri.  

 

 

Un post condiviso da Bice (@bice) in data:

 

Enogastronomia

Come le altre località siciliane, Taormina è ricca di piatti tipici, prodotti genuini e vini di qualità. Tra le specialità più caratteristiche della zona troviamo il vino alle mandorle, prodotto vicino a Castelmola, diversi dolci tipici come le bucce di agrumi candite o ricoperte di cioccolato, o gustosi piatti come la pasta al pesce spada.

 

contentmap_plugin

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più consulta la nostra Cookie Policy. Continuando nella navgazione presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

Ciao sono Tury, stai cercando consigli gratuiti per la tua prossima vacanza?

CIAO, COME POSSO AIUTARTI?

Ciao sono Tury, Quanto durerà la tua vacanza?



Ciao sono Tury, su quale aspetti posso aiutarti?


Ciao sono Tury, sapete già in quanti sarete?



Ciao sono Tury, vuoi chattare o parlare con me?